Rapina in farmacia nel centro di Lecce, 38enne condannato a 4 anni

Emessa la sentenza per Antonio Calogiuri, 38 anni, di San Cesario. Dopo il colpo, fu inseguito e bloccato per strada da alcuni cittadini e dagli agenti delle volanti

LECCE - E’ stato condannato a quattro anni di reclusione, tanti quanti ne aveva invocati il pubblico ministero Donatella Palumbo, Antonio Calogiuri, il 38enne originario di San Cesario di Lecce finito nei guai lo scorso 6 febbraio per la rapina nella farmacia “Ferocino” di piazza Sant’Oronzo, a Lecce. La sentenza è stata emessa oggi dal giudice Carlo Cazzella, al temine del processo discusso col rito abbreviato.

Calogiuri fece irruzione nell’attività in tarda mattinata, verso mezzogiorno, impugnando un oggetto (poi risultato un cavatappi), col volto coperto da una sciarpa e in testa un cappellino, e riuscì a prelevare circa 200 euro dalla cassa. Ma la sua fuga non durò a lungo. Nel giro di pochi istanti fu bloccato da diversi cittadini e dagli agenti di una volante della polizia e accompagnato nel carcere di “Borgo San Nicola”, dove si trova tuttora.

L’imputato era difeso dall’avvocato Federica Conte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento