Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca Via San Cesario di Lecce

Speronano automobilista e infrangono lunotto. Inquirenti seguono pista intimidatoria

Proseguono le ricerche dei malviventi che, nel pomeriggio di ieri, hanno inseguito a bordo di un'Audi un rappresentante di cosmetici leccese, a cui hanno poi infranto i vetri della sua Mercedes. Gli agenti della mobile sospettano possa essersi trattato di un'intimidazione e non di una tentata rapina

Gli uffici della questura leccese

LECCE – Le ricerche, a distanza di 24 ore, sono  incessanti a Lecce e nell’hinterland. Eppure, a detta degli inquirenti, l’episodio accaduto nel pomeriggio di ieri avrebbe più le sembianze di un’intimidazione, che di una tentata rapina come invece si era sospettato in un primo momento. Tutto è cominciato  in via San Cesario di Lecce, in città. Un uomo di 55 anni, alla guida della sua Mercedes, è stato inseguito da alcuni individui. Questi ultimi, a bordo di un'Audi, hanno affiancato il mezzo della vittima, un rappresentante di prodotti cosmetici leccese, e lo hanno speronato, infrangendo il lunotto della vettura.

L’automobilista, in preda al panico, è riuscito a fuggire e a raggiungere gli uffici della questura. Dapprima gli agenti della squadra mobile hanno pensato si potesse trattare di una tentata rapina a mano armata. Tuttavia, non soltanto nel luogo dell’accaduto non è stato rinvenuto alcun bossolo, ma la stessa modalità con cui è stato infranto il vetro non lascerebbe pesare a colpi di arma da fuoco.

Gli investigatori sono pertanto alla ricerca della tipologia di oggetto lanciato  contro il lunotto e della rete di contatti della vittima del gesto. Molto simile a una minaccia, l’episodio lascia infatti sospettare che si sia trattato di un inseguimento premeditato. Plausibile ipotizzare anche che i responsabili potessero conoscere l’agente di commercio. Si tratta di frammentarie, iniziali ipotesi ora al vaglio degli inquirenti della questura. Le indagini sono comunque in corso, anche sulla scorta dei filmati recuperati dalle videocamere di sorveglianza installate in zona.

E' alta l'attenzione da parte della polizia su questa tipologia d episodi. Appena 48 ore addietro, infatti, un giovane farmacista di Novoli, titolare di una rivendita di Squinzano, è stato atteso da due individui all'esterno della sua abitazione. I malviventi hanno cercato di immobilizzarlo con fascette in plastica, per poi introdursi in casa. Ma la vittima ha reagito: ha rimediato una ferita al volto, ma è risucito a mettere in fuga i rapinatori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Speronano automobilista e infrangono lunotto. Inquirenti seguono pista intimidatoria

LeccePrima è in caricamento