"Labirinto": sequestrati i beni di Vincenzo Rizzo per 800mila euro

Proprio ieri la requisitoria in cui sono stati chiesti per lui oltre 21 anni di carcere. Sigilli a un bar, villette, rapporti bancari e veicoli

LECCE – Oltre ventuno anni di carcere. Tanto ha richiesto ieri, nei confronti di Vincenzo Rizzo, 54enne di San Cesario di Lecce, il pubblico ministero Valeria Farina Valaori, nella sua requisitoria per il processo a carico degli implicati nell’operazione “Labirinto”, che ha tagliato la testa a due presunti gruppi federati allo storico clan della Scu Tornese di Monteroni di Lecce. E di cui proprio Rizzo, con diramazioni fra San Cesario, San Donato, Lequile e agganci fino a Gallipoli, sarebbe proprio uno dei principali referenti. Ora, in attesa che arrivi la sentenza con rito abbreviato, è scattato anche il sequestro di beni nei suoi confronti.

A eseguire la misura sono stati i carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Lecce. Il decreto di sequestro preventivo di beni, per un valore stimato in 800mila euro, è stato emesso dalla Prima sezione penale del Tribunale di Lecce, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia locale.

Rizzo era stato arrestato insieme a un’altra trentina di soggetti, il 2 luglio dello scorso anno. Fra le varie accuse formulate ai due sodalizi: traffico internazionale e spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione e porto abusivo di armi, estorsione e danneggiamento con l’aggravante del metodo mafioso.

Nel caso di Rizzo, gli accertamenti hanno documentano la disponibilità di un patrimonio che non sarebbe giustificato dall’entità dei redditi dichiarati. Secondo gli inquirenti, dunque, sarebbe frutto degli introiti derivanti delle attività illecite individuate nel corso delle indagini. Sulla scorta di questi risultati, il Tribunale di Lecce ha quindi disposto il maxi sequestro.

Vincenzo Rizzo-2Fra i beni vi sono la società Trade Service Srls, con relativo compendio aziendale, che gestisce un bar a San Cesario di Lecce, con l’insegna “Miss Coffee”, due unità immobiliari destinate a residenza (in sostanza, villini a San Cesario, con terreni di pertinenza dell’estensione di circa mille e 700 metri quadrati), due autovetture e un motociclo e diciassette rapporti bancari, tra conti correnti, conti deposito a risparmio e carte di credito.

Già nel luglio scorso erano stati disposti sequestri a carico di altri indagati, per circa 6 milioni di euro. Sono beni e società riconducibili a Saulle Politi, 47enne di Monteroni di Lecce, a Fabio Rizzo, 48enne di San Donato di Lecce, e a Davide Quintana, 37enne di Gallipoli.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pioggia e violente raffiche di vento mettono mezzo Salento in ginocchio

  • Allerta arancione per maltempo anche nel Salento. Scuole chiuse in diversi comuni

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Burrasca agita lo Ionio e devasta barche, pontili, maneggio e persino un ristorante

  • "Scuole aperte nonostante l'allerta meteo": Cgil denuncia rischi per alunni e lavoratori

  • Bimbo si affaccia alla finestra e scopre l'anziano scomparso

Torna su
LeccePrima è in caricamento