Malore mentre si trova in acqua: riportato a riva, ma ormai senza vita

L'annegamento è avvenuto a Torre San Giovanni di Ugento. L'uomo, 74enne di Ugento, recuperato dal bagnino di un lido. Vani i tentativi di rianimazione del personale e del 118. Sul posto la guardia costiera

Sul luogo della tragedia.

TORRE SAN GIOVANNI – Quando l’hanno portato a riva, ormai, non c’era più nulla da fare. Quell’uomo, Mauro Bernardi, un ugentino di 74 anni, era ormai spirato. Un malore, probabilmente, e il conseguente annegamento in mare. La tragedia – seconda di questa stagione estiva che stenta a decollare, segnata dall’emergenza coronavirus – si è consumata questa mattina, attorno alle 9, a Torre San Giovanni, frazione marittima di Ugento.

A recuperare l’uomo è stato un bagnino del lido Onda Marina, dopo che il corpo è stato visto galleggiare, con il volto affondato in acqua, a circa una settantina di metri dalla riva. Portato subito sulla spiaggia, lo stesso personale, in attesa che arrivassero gli operatori del 118, ha provato a praticare manovre di primo soccorso di rianimazione cardio polmonare, ma senza esito. E i tentativi dei sanitari, giunti in ambulanza, non hanno avuto miglior fortuna. A quel punto, non c’è stato altro da fare che dichiarare il decesso. Sul posto sono arrivati, per i rilievi, i militari della guardia costiera dell’ufficio locale marittimo di Torre San Giovanni, che hanno avvisato il magistrato di turno, e i carabinieri.

Stando a quanto ricostruito al momento, il 74enne, questa mattina, si era recato piuttosto presto al mare, verso le 7,30 circa, scegliendo come punto d’appoggio un tratto di spiaggia libera non lontano dal lido Onda Marina. Poi, il tuffo rinfrescante in una giornata che già a quell'ora si preannunciava particolarmente calda e il malore improvviso - presumibilmente un infarto - che non gli ha lasciato scampo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'altra recente tragedia

Purtroppo, come detto, si tratta del secondo episodio in pochi giorni. Nel primo pomeriggio del 29 giugno scorso, infatti, nella zona di Porto Cesareo, è morta una mamma di 44 anni della provincia di Vicenza, che era arrivata nel Salento per una vacanza con marito e due figli. Anche in quel caso, i sanitari del 118 hanno potuto fare ben poco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale in moto contro un'auto: muore 54enne, grave una donna

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Nessuno stupro a Gallipoli: falso allarme, i due appartati prima del collasso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento