Minaccia la madre per avere soldi e far rimettere la denuncia: arrestato

Nei guai è finito un 19enne di Ugento. Pretendeva denaro per acquistare stupefacenti. Portato in carcere dai carabinieri

UGENTO – Prima pretende (e alla fine, ottiene) soldi. Poi, però, non contento, ritorna chiedendone ancora e, per giunta, reclamando il ritiro di una denuncia contro di lui. Il Ottenendo, alla fine, l’effetto opposto. Perché, si sa, chi troppo vuole nulla stringe. E così è finito in carcere.

L’arresto, che riguarda un 19enne, è stato eseguito a Ugento dai carabinieri della stazione locale. Il ragazzo risponde di violazione del provvedimento di allontanamento dalla casa familiare e di estorsione. Tutto è nato quando il 19enne, nonostante il divieto tassativo dell’autorità giudiziaria di avvicinarsi all’abitazione della madre – visti i precedenti analoghi -, vi si è recato, costringendo la donna, dopo averla minacciata, a farsi consegnare 20 euro. I soldi sarebbero serviti per l’acquisto di sostanza stupefacente.

Ma dopo il primo episodio, ecco il secondo. Ritornato per avanzare ulteriori richieste di denaro, ha cercando pure d’imporre alla madre di recarsi presso la stazione carabinieri per rimettere una denuncia in precedenza formalizzata nei suoi confronti, per gli stessi reati. E i carabinieri, in effetti, sono stati avvisati. Ma la denuncia è stata tutt’altro che ritirata. E per il 19enne si sono aperte le porte del carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Anziana madre non ha sue notizie da giorni e chiede aiuto: 49enne trovato senza vita

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Rapine con auto rubate durante il lockdown: fermata la banda

  • Coronavirus “sensibile” ai fattori ambientali: studio di un fisico su temperatura ed escursioni termiche

  • Scavalca tre muri dopo il furto: fuga spericolata, ma braccato e arrestato

Torna su
LeccePrima è in caricamento