Mercoledì, 16 Giugno 2021
Politica

Unioni tra piccoli comuni, i sindaci chiedono tempo. Il prefetto: "Attuare la legge"

Incontro in prefettura con gli amministratori dei 40 municipi che devono associarsi entro il prossimo anno in enti autonomi con almeno diecimila abitanti. Animato il dibattito: si teme una soluzione pasticciata che ignora la complessità della questione

Il prefetto, Giuliana Perrotta, presiede la riunione con i sindaci.

LECCE – I piccoli comuni chiedono tempo. L’obbligo di legge di avviarsi verso la condivisione delle funzioni fondamentali è stato oggetto di un incontro convocato a Lecce dal prefetto Giuliana Perrotta.  Vi hanno partecipato quasi tutti i sindaci dei 40 comuni salentini con meno di 5mila abitanti, cioè quelli interessati dall’articolo 19 del decreto legge del luglio 2012 – Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini - che devono dar vita a 14 nuovi enti autonomi con almeno 10mila abitanti.

I settori che le municipalità dovranno gestire in maniera associata sono: l’organizzazione generale dell’amministrazione e la gestione finanziaria e controllo; l’organizzazione dei servizi pubblici di interesse generale, compresi i trasporti; il catasto; la pianificazione urbanistica ed edilizia; protezione civile e coordinamento primo soccorso; raccolta e gestione dei rifiuti; servizi sociali; edilizia scolastica per quanto non di competenza delle Province.

Il capo di gabinetto, Guido Aprea, ha chiarito che le forme associative previste sono quelle dell’unione e della convenzione. E che, in questa seconda ipotesi, si deve procedere ad una verifica triennale dell’efficienza dei servizi, che si misura sulla base di un risparmio di almeno il 5 per cento della spese corrente rispetto all’ultimo esercizio, e l’efficacia degli stessi, cioè un migliore livello rispetto alla gestione finanziaria precedente alla gestione associata per almeno tre dei seguenti settori: rifiuti, edilizia scolastica, polizia locale, entrate tributarie, prestazioni sociali. Il mancato soddisfacimento dei parametri obbliga i comuni interessati ad adottare l’unione.

Il termine per l’attuazione della legge è scaduto ed è per questo che la prefettura, come atto dovuto, ha proceduto alla diffida delle amministrazioni inadempienti, ma in Parlamento è in dirittura d’arrivo un emendamento al decreto Mille proroghe che concede un altro anno di tempo.

Il prefetto ha in un certo senso tranquillizzato i sindaci, dicendo loro che il confronto nasce dall’esigenza di discutere delle criticità per poi portarle all’attenzione del ministero dell’Interno, ma ha fatto capire che la strada da seguire è solo quella indicata dal legislatore. E del resto tutti i comuni in questione, meno Caprarica di Lecce e San Pietro in Lama, fanno già parte di unioni. Tre di queste - Terre di mezzo, Entroterra idruntino e Costa orientale - in quanto formate da comuni con meno di 5mila abitanti già potrebbero ottemperare alle disposizioni di legge.

Ma le perplessità degli amministratori sono numerose. Opinione diffusa è che se il principio della razionalizzazione amministrativa è condivisibile, non lo è altrettanto il metodo che prescinde dalla considerazione della situazione attuale, nella quale le amministrazioni si dimenano tra difficoltà e carenze di organico. Bisogna poi tener presente che tutti i municipi condividono funzioni secondo uno schema sovracomunale, si pensi ai servizi sociali o alla raccolta dei rifiuti che sono affidati ad ambiti che non coincidono l’uno con l’altro.

Il primo cittadino di Melpignano, Ivan Stomeo, ha concluso il suo intervento dicendo: “La legge Delrio è stata fatta su misura per quelle regioni in cui le unioni esistono da tempo, come la Toscana e l’Emilia Romagna”. Stomeo, che è anche presidente dell’Unione del comuni della Grecìa Salentina - si incontrerà proprio la settimana prossima con il presidente e il direttore generale dell’Unione dei comuni della bassa Romagna, nata nel 2008 dall’esistente associazione di 9 centri del Ravennate, con una popolazione complessiva di oltre 100mila abitanti che rappresenta uno degli esempi più compiuti in Italia di unione intercomunale.

Il sindaco di Giuggianello, Giuseppe Pesino, si è detto “indignato per il concetto dato in pasto all’opinione pubblica per il quale gli sprechi sono concentrati nei piccoli comuni” e ha rivendicato un’organizzazione dal basso dell’associazionismo, richiesta alla quale si è unito il primo cittadino di Arnesano, Giovanni Madaro. Per Silvano Macculi, di Botrugno, si deve approfittare dell’anno di proroga per rendere più efficienti i servizi che già sono in comune, facendo ad esempio coincidere gli Aro (ambiti di raccolta ottimale) con le unioni già esistenti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Unioni tra piccoli comuni, i sindaci chiedono tempo. Il prefetto: "Attuare la legge"

LeccePrima è in caricamento