Nardò

Donne in chemioterapia diverranno mamme: anche nel Salento banca degli ovociti

Il centro per la procreazione di Nardò attende la strumentazione da parte della Asl: le pazienti in cura conserveranno il loro materiale biologico

Foto di repertorio

NARDO’ – Nella confusione generale che ha investito i reparti dei nosocomi salenti nel piano generale del riordino ospedaliero, si staglia una buona notizia all’orizzonte.  Una vera “criobanca”, a Nardò, per conservare gli ovociti delle ragazze in cura chemio e radioterapica. Per garantire il corredo riproduttivo biologico. Al centro Pma  per la procreazione medicalmente assistita di Nardò, i medici ora confidano nella Asl.

Da quanto si apprende dall’associazione Salute Salento, infatti, il personale della struttura attende che l’Azienda sanitaria faccia giungere al più presto le attrezzature necessarie. I locali dove sarà effettuata la crioconservazione dei tessuti ovarici per 5-10 anni e anche oltre, sono stati completati, compresi gli impianti elettrici. Ora si attendono dei particolari apparecchi a lento congelamento, un ecografo di livello, un microscopio e la restante parte dell’attrezzatura. Nella Asl di Lecce si punta sulla crioconservazione del patrimonio riproduttivo naturale.

“In questo momento – dichiara Antonio Luperto, ginecologo e responsabile del centro, ai portavoce dell’associazione vicina agli ambienti ospedalieri -  più che pensare all’eterologa come fanno in altri centri, stiamo pensando ai nostri ragazzi e ragazze che in età fertile incappano in un cancro al seno, in una leucemia, per cui devono iniziare la chemio o la radio terapia. Processi che bruciano il corredo riproduttivo mandando le donne in menopausa. E sono tante – aggiunge -  soprattutto ragazze.  Basta frequentare i day service di oncologia per rendersi conto”.

“Una volta guarite – continua il ginecologo -  alla ragazza che non vuole avere figli quel pezzettino di ovaio glielo reimpiantiamo e così evita di andare in menopausa.  Chi vuole figli invece, con il seme del  proprio compagno provochiamo la fertilizzazione in laboratorio, creiamo l’embrione e lo  impiantiamo direttamente”. Oggi per legge le strutture sanitarie hanno l’obbligo di informare i ragazzi che c’è un centro pubblico dove possono conservare il liquido seminale o un pezzettino - si parla di un millimetro quadrato - di corteccia delle ovaie che contiene centinaia di follicoli, prima di iniziare la chemio o la radioterapia. – prosegue Luperto- “Quando avremo avviato la crioconservazione a Lecce, noi da Nardò ci recheremo al Fazzi dove il dottore Antonio Perrone praticherà la biopsia per il prelievo. Sarà tutto più facile”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donne in chemioterapia diverranno mamme: anche nel Salento banca degli ovociti

LeccePrima è in caricamento