Notizie da Nardò

Passaggio di consegne al commissariato di Nardò: arriva la nuova dirigente

Il vicequestore Pantaleo Nicolì, “storico” dirigente degli uffici di Via Duca degli Abruzzi, lascia il posto alla collega subentrante.

Il commissariato di Nardò.

LECCE – Novità a Nardò: cambio di guardia presso gli uffici del commissariato di polizia. Il vicequestore Sabrina Manzone prende infatti il posto del collega Panatelo Nicolì, “storico” dirigente degli uffici di Duca degli Abruzzi. Ad assumere la direzione del commissariato neretino, la funzionaria della Polizia di Stato con diversi anni di carriera alle spalle.

Numerosi gli incarichi ricoperti di recente, tra i quali quello presso la questura di Trieste. Manzone è stata anche la responsabile della Sezione volanti presso la questura di Brindisi  e poi dirigente del commissariato di Mesagne. Dal 2014 è stata trasferita alla questura del capoluogo salentino, dove le è stato affidato il compito di dirigere la squadra mobile. Sono stati anni, quelli, di attività di indagine di successo, poi sfociate in note operazioni come quella denominata “Eclisse” ed eseguita contro i clan leccesi di maggior rilevanza delinquenziale.

Di rilievo la cattura di Fabio Perrone, alias “Triglietta”, evaso durante una visita medica presso l’ospedale “Vito Fazzi”. Dal novembre 2016 in poi, ha inoltre ricoperto l’incarico di dirigente dell’Ufficio del personale. Il vicequestore Nicolì, invece, andrà in pensione dopo anni di intensa attività. Il suo ingresso nella Polizia di Stato risale infatti al 1989. Dopo il corso, durato nove mesi, presso l’Istituto superiore di polizia a Roma, gli è stato affidato un incarico presso la questure di Genova. Per due anni, infatti, è stato funzionario presso la sezione volanti del capoluogo ligure. Nicolì è stato anche a capo della Sezione informativa della Digos genovese.

 E dopo un breve periodo presso gli uffici del commissariato di Sestri Ponente, nella sessa provincia, è stato trasferito nella questura di Brindisi. A Lecce ci è arrivato nel 1996, per curare l’istituzione del Reparto prevenzione crimine, poi dirigendolo per circa tre anni. Dal mese di maggio del 1999, invece, il (neo) ex commissariato neretino ha diretto gli uffici di polizia di Gallipoli, fino al 2010 quando, appunto, è stato chiamato a capo di quelli neretini. Una delle sue ultime attività, assieme alla Dda e squadra mobile, è il blitz della scorsa estate e ribattezzato "Movida".

Poliziotti "spacciati" per tossicodipendenti, hanno scoperto un giro di compravendita di cocaina sul litorale ionico. Dopo dieci anni di brillante carriera e di conoscenza certosina del territorio, non lascia soltanto un posto di lavoro, ma tanta professionalità e competenza, oltre a un ricordo tra i suoi collaboratori e tra gli agenti che componevano la sua squadra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “L’eredità”, Massimo Cannoletta tra bottino intascato e critiche sul web

  • Percepiva il reddito di cittadinanza, ma nascondeva in casa 625mila euro

  • Maltempo sul Salento: coperture divelte da una tromba d’aria volano in strada

  • Parte un colpo mentre pulisce l’arma: ferita la fidanzata, indagato 38enne

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento