Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca Melendugno

Sopralluogo dei tecnici nell'area di cantiere, interviene la polizia locale

In prima serata è stata sistemata una recinzione nella zona individuata per i sondaggi archeologici. Il sindaco di Melendugno sarcastico su Facebook

L'area recintata

MELENDUGNO - Dopo una giornata di assoluta serenità, quella di venerdì, rispetto all'annunciato avvio del primo cantiere per il gasdotto Tap, nella serata di oggi si è registrato qualche movimento che ha provocato una sarcastica reazione da parte del sindaco di Melendugno, Marco Potì.

In prima serata alcuni tecnici della ditta incaricata dei sondaggi archelogici in un terreno prossimo al cimitero hanno apposto una rete da cantiere ed effettuato alcuni rilievi fotografici. Niente di che, ma l'intervento è stato comunque notato dagli attivisti del Comitato No Tap che presidiano la zona con continuità. All'arrivo della polizia locale il sopralluogo era già terminato ma sono state rilevate le coordinate gps per verificare, domattina, la corrispondenza con quelle indicate nelle comunicazioni di Tap per l'inizio dei lavori. 

Il primo cittadino ha affidato a Facebook il suo commento: "Io non mi fido assolutamente di chi intenderebbe iniziare (per finta!) un'immensa opera 'strategica' e di 'pubblica utilità', di domenica sera alle ore 19, durante la festa della Madonna (nella marina di Roca, ndr), a poche ore dalla decadenza dell'autorizzazione unica, recintando in modo alquanto approssimato un'area poco più grande di un'aia. Solo chi vuol operare nelle tenebre e senza trasparenza si comporta cosi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sopralluogo dei tecnici nell'area di cantiere, interviene la polizia locale

LeccePrima è in caricamento