Beccato di nuova a scuola il ladro seriale, guai anche per un 48enne

Un 25enne leccese ritenuto nuovamente l’autore di un colpo al “Siciliani” e riconosciuto come autore del tentato furto nella ditta Ecomet srl

Foto di repertorio.

LECCE – Beccato nuovamente il ladro delle scuole leccesi: mette a segno un altro colpo e viene identificato anche come autore del tentato furto alle Ecomet.srl. Nella prima mattinata di ieri, infatti, gli agenti di polizia della sezione volanti hanno identificato D.G.C., il 25enne fermato già nei giorni scorsi, come responsabile di un colpo messo a segno all’interno dell’istituto “Pietro Siciliani” in via Leuca. Sono stati alcuni operai di una ditta edile, una volta raggiunto l’edificio per alcuni interventi, a notare  la presenza del ragazzo che usciva furtivamente dalla scuola. Il personale della questura, durante i rilievi, ha constatato che il malvivente aveva forzato quattro macchinette di alimenti e bevande e asportato tre computer dalle aule. Uno di quei pc è stato rinvenuto nel corridoio: gli deve essere caduto dalle mani, al momento della fuga.

Dalle immagini del sistema di videosorveglianza installato all'esterno della scuola, è stato riconosciuto senza ombra di dubbio il leccese già noto agli agenti per una serie di furti all’interno di edifici scolastici nei giorni scorsi. Almeno sette quelli perpetrati di recente. Su disposizione dell’autorità giudiziaria è stata effettuata una perquisizione domiciliare presso l’abitazione del 25enne, dove è stata rinvenuta una bicicletta da donna, asportata nei locali della ditta Ecomet.srl, in zona Aria Sana, due notti addietro. Anche in questo caso le immagini del sistema di videosorveglianza avevano ripreso la stessa persona, riconosciuta subito dai poliziotti.  Quando questi ultimi hanno cercato di raggiungerlo presso la sua abitazione, il ragazzo ha provato a scappare, trovando rifugio in un deposito di merce all'ingrosso della zona. Il 25enne leccese è stato indagato in stato di libertà, perché mai sorpreso in flagranza di reato in nessuno degli episodi precedenti. Vista la sua condotta recidiva, sarà però richiesta alla magistratura una misura di custodia cautelare.

Sempre in città, inoltre, la polizia ha denunciato anche un secondo individuo, accusato di aver molestato una donna in via Libertini. La malcapitata, spaventata, si è rivolta al 113. L’episodio, in centro, nel pomeriggio di ieri. S.P., queste le iniziali di un 48enne leccese senza fissa dimora, è stato fermato poco dopo mentre, nel tentativo di fuggire, ha anche sferrato calci e pugni contro uno dei poliziotti delle volanti. Al termine dell’intervento, il 48enne è stato indagato per molestie, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Visto il suo stato di agitazione, condotto anche in ospedale per una visita medica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

Torna su
LeccePrima è in caricamento