Settimana nera sulle strade: muore il poliziotto di guardia a Palazzo dei Celestini

Ennesimo incidente, nella tarda serata di domenica: a perdere la vita il noto agente 49enne. L’uomo, di Sternatia, si stava recando al lavoro per prendere servizio: lascia la moglie

L'auto coinvolta nel sinistro mortale.

CAVALLINO – Settimana nera sulle strade salentine: il quarto incidente mortale in una sola settimana. A seguito di  un violento scontro nella serata di ieri, lungo la strada statale 16, ha infatti perso la vita un’altra vittima dell’asfalto. Si tratta di un assistente capo coordinatore, Tommaso Verdoscia. L’agente, 49enne di Sternatia, stava per recarsi a Lecce per lavoro: è solitamente in servizio presso il gabbiotto di guardia della Polizia di Stato all’ingresso di Palazzo Celestini, all'ingresso degli uffici della Provincia e della prefettura leccese.

Il drammatico sinistro, nel quale vi sarebbero coinvolte altre due auto, intorno alle 23,30, nei pressi del centro commerciale “Conad”. Soccorso dai passanti e dagli operatori del 118, per lui non vi è stato più nulla da fare. Le manovre per tenerlo in vita si sono rivelate vane. I rilievi sono stati poi eseguiti dai carabinieri, ai quali è toccato anche il compito di comunicare la tragica notizia alla moglie della vittima. Stando a una prima ricostruzione, ancora prematura e frammentaria, la vettura dell'agente sarebbe finita contro il guardrail che costeggia la strada statale Lecce-Maglie. Intanto, sarebbe però sopraggiunta una seconda auto che non è riuscita a evitare l'impatto. f7cae0f8-eb3b-4479-ac0c-93cecedfd8aa-2

La salma del poliziotto, su disposizione del pm di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce, è stata trasferita nell’obitorio dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce per i successivi accertamenti clinici. Gli esami che saranno eseguiti dal medico legale, al quale potrebbe anche essere richiesta un'autopsia, chiariranno se possa essersi trattato di un malore o se, all'origine della sbandata, possano esservi altre cause. Rabbia e incredulità, intanto, per il quarto sinistro mortale di una settimana davvero tragica: dopo la morte di due ragazzini, anche quella di un militare e ora anche del 49enne.

Il dolore e la vicinanza alla famiglia dal sindacato

“Possa giungere alla famiglia del collega Tommaso Verdoscia, il nostro cordoglio e la nostra vicinanza. Queste sono notizie che non vorremmo mai leggere. Il collega stava per iniziare il suo turno di notte, quando un terribile incidente lo ha portato via per sempre all’affetto dei suoi cari e dei suoi colleghi. Tutto il Mosap si stringe forte alla moglie, alla madre e a quanti gli hanno voluto bene, con la promessa che non saranno mai lasciate sole. La Polizia di Stato sarà per sempre anche la loro famiglia”. Lo ha scritto in una nota Fabio Conestà, segretario generale del Movimento sindacale autonomo di polizia (Mosap).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, aumentano i tamponi. Sono 611 i nuovi positivi e quindici i contagi nel Leccese

  • Dpcm, la protesta nasce pacifica in centro. Ma poi partono gli scontri

  • Virus, stabile l’andamento del contagio. Picco di 43 casi nel Salento

  • Il tir si ribalta col carico di frutta: ferito conducente, positivo all’alcol test

  • Il virus avanza in Puglia, Lopalco: “Si delinea uno scenario preoccupante”

  • Impatto micidiale, sette coinvolti: ragazza in codice rosso per dinamica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento