Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca Via Brenta

Dimentica la pentola sul fuoco e va a festeggiare, rischia di bruciare l'appartamento

L'intervento ieri sera poco dopo le 21 in via Brenta, proprio di fronte al Tribunale civile. Una donna ha dimenticato l'olio acceso sulla fiamma ed è andata dalla nipote. In cucina s'è sprigionato un rogo. Sul posto i vigili del fuoco e gli agenti delle volanti

LECCE – Vigilia di Natale con interminabili momenti di paura in un’abitazione al primo piano di via Brenta. Nella tarda serata di ieri una palazzina è stata “assediata” dai vigili del fuoco, giunti con due mezzi dal comando provinciale di viale Grassi. Sul posto anche una volante di polizia.

Il fumo nero che si levava da una finestra non lasciava presagire nulla di buono. All’origine, il più banale degli incidenti domestici, come si sarebbe poi certificato, ovvero un principio d’incendio in una cucina, che avrebbe però rischiato di trasformare la serata di festa in un mezzo disastro se l’intervento non fosse stato quanto mai celere.

In lontananza, da più punti di una città ieri come oggi semi deserta (tutti rintanati nelle proprie abitazioni per cenoni e celebrazioni  rituali con le famiglie), anche alcuni botti per salutare il Natale in arrivo. E’ stata in questa cornice che hanno agito i vigili del fuoco, i quali hanno subito scongiurato che le fiamme potessero provocare roghi più vasti e magari qualche esplosione.

Basti pensare che proprio di recente due episodi in qualche modo simili hanno provocato danni ingenti. Sempre a Lecce, in via Massari, il 10 dicembre la villetta di un’anziana è andata parzialmente distrutta proprio a causa di un rogo sprigionatosi mentre la proprietaria si apprestava a cucinare (e nella casa giocoforza abbandonata per alcuni giorni, sono pure entrati i ladri), mentre a Copertino, il 13, l’esplosione di una bombola di gas ha rischiato di provocare una tragedia. Solo un caso fortuito ha voluto che alcuni dei residenti si trovassero in un altro punto dell’abitazione. 

L’intervento di ieri sera risale alle 21,10 circa e al principio di tutto è stata una pentola con l’olio lasciata sul fuoco. La donna si era recata al piano superiore, poiché ospite di una nipote, scordando però il fornello acceso, e a un certo punto l’ambiente ha iniziato a saturarsi di fumo. E’ noto come l’olio, su una fiamma piuttosto viva, possa sprigionare un rogo. E, anzi, quasi la metà degli incendi nelle abitazioni si devono a fattori legati alla cucina o al riscaldamento.

Per fortuna in questo caso l'arrivo è stato tempestivo e alle fiamme è stato impedito di avere libero sfogo. Sono rimaste annerite le pareti e i residenti sono stati fatti evacuare per precauzione, fino al termine dell'intervento. La tensione è stata particolarmente alta, oltretutto, anche perché in via Brenta sorgono il Tribunale civile (esattamente di fronte) e, proprio accanto alla palazzina, la Corte d’appello. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dimentica la pentola sul fuoco e va a festeggiare, rischia di bruciare l'appartamento

LeccePrima è in caricamento