menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'avvocato Pietro Quinto.

L'avvocato Pietro Quinto.

Mancata vendita del lotto per Università Islamica: negata pretesa al risarcimento

Il Consiglio di Stato respinge l'appello dei proprietari ricorrenti contro l'amministrazione comunale di Monteroni di Lecce, difesa da Pietro Quinto

LECCE - Il Consiglio di Stato pone fine al contenzioso sulla pretesa di risarcimento - per oltre 6 milioni di euro - avanzata dai proprietari dei fondi inclusi nell'area che avrebbe potuto ospitare l'Università Islamica, a ridosso del complesso di Ecotekne, a Monteroni di Lecce. Il ricorso dei cittadini interessati direttamente alla lottizzazione è stato respinto, con la conferma della sentenza di primo grado resa dal Tar Puglia, sezione di Lecce. 

I nove ricorrenti - rappresentati in giudizio da Stefano Paladini e da Giovanni Pellegrino - reclamavano un danno per 3 milioni e 250mila euro per il mancato perfezionamento della vendita, dovuto alla dichiarazione di inammissibilità dell'istanza di lottizzazione da parte dell'Ufficio tecnico comunale. La posizione dell'amministrazione è stata motivata con il fatto che i terreni in questione erano gravati  da un pignoramento e non fossero dunque nella piena disponibilità dei proprietari. Ma il risarcimento complessivo comprendeva anche un'altra somma, di importo molto simile, per perdita di altre occasioni di vendita e per danni morali. 

I giudici di Palazzo Spada hanno quindi ribadito, dopo che lo aveva fatto il Tar pugliese, la correttezza dell'operato del Comune. “Il Consiglio di Stato – ha affermato l’avvocato Pietro Quinto che ha difeso l'amministrazione - ha riconosciuto la piena legittimità degli atti emanati dall’Ufficio Tecnico che non poteva che dichiarare inammissibile una istanza di lottizzazione, prodromica alla costruzione del Centro di formazione islamica, non avendo i proprietari la piena disponibilità dei terreni. I giudici romani hanno attentamente valutato la portata degli atti emanati dal Comune ed hanno riconosciuto che quegli atti chiudevano il procedimento e pertanto, ove ritenuti illegittimi, dovevano essere impugnati”.

I ricorrenti avevano stipulato un preliminare di vendita con la Fondazione Islamica di Lecce, la cui efficacia era però subordinata al buon esito della lottizzazione. “Quel che ha portato i Giudici di Palazzo Spada – ha proseguito Quinto - a respingere la domanda risarcitoria è il riconoscimento che il Comune non era affatto rimasto in silenzio e che non si era limitato a risposte interlocutorie, ma aveva provveduto seppure negativamente rispetto alle richieste dei privati, con ciò rispondendo tempestivamente alla richiesta lottizzatoria”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento