menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza: Lecce, Tricase e Maglie battute al tappeto dai reparti dell'Arma

Un arresto e decine di denunce. Per tre giorni è stato impiegato anche un elicottero dei militari inviato dal nucleo di Bari

LECCE – Lecce, Tricase Maglie e tutto il loro hinterland battuti a tappeto da intere compagnie e stazioni dei carabinieri. Per dare una risposta alla richiesta di sicurezza dei cittadini, il comando provinciale dell’Arma per alcuni giorni ha messo in atto un dispositivo imponente in tre fra i principali centri della provincia e nei territorio vicini. Usando anche un velivolo del 6° nucleo elicotteri di Bari, per le perlustrazioni dall’alto.

I risultati, dal 27 al 29 gennaio, non sono mancati, fra denunce, arresti, perquisizioni e anche ritrovamenti di refurtiva (in particolare armi e munizioni nella zona di Borgagne). E i controlli non terminano qui. Ne saranno organizzati altri a breve, mirando a raggiungere nuovi risultati e affiancandosi così all’attività investigativa vera e propria sui tanti casi che si sono verificati nelle ultime settimane.    

Maglie e hinterland

Si è partiti dalla zona di Maglie. A Otranto è stato denunciato un tedesco senza fissa dimora, E.T., 35enne originario di Volkhoven/Weiler, distretto di Colonia. Dopo aver richiesto con insistenza un obolo ad alcuni avventori di un locale di via 800 Martiri, ricevendo un diniego, avrebbe prima iniziato a inveire, poi a sputare addosso agli avventori e alle fine avrebbe ostentato un coltello multiuso. Chiamati i carabinieri, l’hanno bloccato e perquisito. Il coltello, rinvenuto, è stato sequestrato.

Sono stati poi denunciati anche due leccesi, D.P.A., 36enne e  D.P.M., 31enne, per ricettazione. Avrebbero ricevuto e usato un cellulare Samsung J5, rubato a Otranto il 6 agosto scorso. I carabinieri di Muro Leccese, invece, hanno deferito R.A.R., 72enne di Sanarica. Nominato custode di un ciclomotore di sua proprietà, sottoposto a sequestro amministrativo il 22 agosto del 2011, se ne sarebbe sbarazzato, violando i suoi doveri. La scoperta è avvenuta durante la notifica dell’ordinanza di confisca. Il ciclomotore non era presente e chissà da quanto.

I controlli in strada hanno poi portato a diversi deferimenti per guida in stato di alterazione psicofisica. Durante gli accertamenti sanitari, diversi conducenti sarebbero risultati positivi all’uso di sostanze stupefacenti. Le auto non sono state sequestrate, perché in tutti i casi di proprietà di terzi. Nello specifico, i carabinieri di Scorrano hanno bloccato  C.A., 23enne di Specchia, noto alle forze dell’ordine, per il quale è stato proposto per il foglio di via obbligatorio insieme al passeggero, e in seguito N.L., scorranese, 21enne, anch’egli già noto. Nella zona di Maglie, invece, nei guai sono finiti A.D. E. scorranese di 19 anni  e N.M. 23enne di Castrignano dei Greci.

A Poggiardo, i deferimenti per P.M., 26enne del posto e a Carpignano Salentino  per C.V., di Melpignano 25enne.  Ancora, vi sono stati gli immancabili casi di ebbrezza alcolica. La denuncia è stata spiccata per S. f., 64enne di Parabita, con un tasso pari a 0,85 grammi per litro. Altri due episodio hanno riguardato soggetti trovati con tassi inferiori a quelli occorrenti per una denuncia, ma che hanno comunque comportato il ritiro della patente. Segnalati per uso di stupefacenti ulteriori due soggetti, uno dei quali con siringa ed eroina.

Tricase e dintorni

SCOLOZZI_Cosimo-2Passando a Tricase, invece, i carabinieri hanno eseguito anche un arresto. Si tratta di Cosimo Scolozzi, 44enne di Tricase. Era già sottoposto al divieto di avvicinamento a una giovane donna per atti persecutori fin dal 6 maggio dello scorso anno, ma, viste le numerose segnalazioni circa la trasgressione della misura cautelare sia da parte dei militari, sia dall’avvocato della malcapitata, è scattata l’ordinanza, che è stata eseguita nelle scorse ore. L’uomo è stato sottoposto ai domiciliari.

Tre, poi, le denunce effettuate.  Di spaccio risponde  M.A.,  21enne di Tricase. durante una perquisizione domiciliare è stato trovato in possesso di 14,5 grammi di marijuana. Due, invece, i deferimenti per guida sotto effetto di sostanze alcoliche, con tassi piuttosto elevati, a carico di B.B., 48enne di Corsano (guidava addirittura con un tasso di 2.36 grammi per litro) e C.M. C., 23enne di Nociglia (1,7 grammi per litro).

I test sono stati effettuati con etilometri. Le patenti di guida ritirate e i veicoli sequestrati. Tre le segnalazioni per uso di stupefacenti. Le verifiche sono ovviamente state molto più estese, su Tricase e dintorni. Fra i controlli, quelli a tredici persone sottoposte a misure di sicurezza e prevenzione; diciotto a soggetti ai domiciliari; 230 gli identificati totali; 110 le auto fermate; 40 le contravvenzioni al codice della strada; un ciclomotore sequestrato (oltre alle già citate due auto); cinque documenti di circolazione ritirati.

Controlli a Lecce

E sono stati giorni intensi di controlli anche su Lecce, dove sono stati denunciati C.T., 35enne di Carmiano (era alla guida con un tasso pari a 1.28 grammi per litro) e T.G., 28enne di Brindisi (0.92 grammi per litro). Altre quattro sono state le patenti ritirate (tutti con livelli al di sotto di 0.80 grammi per litro) e sette le segnalazioni per uso di stupefacenti, fra cui cocaina. Nel corso del servizio sono stati controllati 160 veicoli e identificate 180 persone.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento