Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca Via San Lazzaro

Tentano incappucciati il furto di un'Alfa 147, intercettati da una volante

Erano in tre, di notte, in via San Lazzaro. Forse serviva per mettere a segno qualche altro colpo. Recrudescenza del fenomeno

Una volante di polizia a Galatina (repertorio).

GALATINA – Che sia per ricavarne pezzi di ricambio in un mercato parallelo sempre florido e che non vedrà mai decadenza, da usare come “ostaggio” per chiedere soldi al proprietario (il classico cavallo di ritorno, in gergo) o da reimpiegare in furti e rapine, una cosa è certa: l’auto rubata continua ad andare per la maggiore. 

La notte scorsa nel centro abitato di Galatina, è andata però male a tre malviventi che avevano adocchiato un’Alfa Romeo 147, parcheggiata in una zona di periferia, in via San Lazzaro, quasi all’altezza dell’incrocio con via Cagliari. Si erano già avvicinati al veicolo e stavano cercando di spalancarne lo sportello, quando all’improvviso hanno notato i fari di una volante del commissariato di polizia in arrivo. Qualcuno, poco prima, aveva notato movimenti sospetti, avvisando gli agenti. 

I tre, tutti incappucciati per camuffare al meglio i volti, che erano a debita distanza, hanno fatto a tempo a fuggire a gambe levate. Via San Lazzaro è una strada che corre dritta per qualche chilometro, quindi avevano la visuale sgombra. Disperdendosi nelle vie circostanti, hanno probabilmente raggiunto a piedi le campagne nei pressi di un vicino passaggio ferroviario. Impossibile rintracciarli. Di fatto non c’è stato un vero e proprio inseguimento. L’auto, però, è stata salvata.

Il numero di persone in azione, ben tre, e il tipo di veicolo, sono elementi per i quali è immaginabile che il furto avesse uno scopo preciso: usare l’Alfa per qualche altro colpo, probabilmente da eseguire nella stessa notte. E' possibile quindi che l'intervento abbia evitato una catena di crimini.

In ogni caso, il furto d’auto resta fra le piaghe più difficili da estirpare. Anche se non manca qualche successo delle forze dell’ordine. Negli ultimi giorni, per esempio, sono stati eseguiti due arresti. 

A Manduria, i carabinieri hanno bloccato un 26enne di Nardò in trasferta che avrebbe tentato di estorcere denaro alle vittime per riavere le auto indietro (ben tre quelle sottratte). A San Foca, invece, i militari leccesi hanno sorpreso in flagranza un 59enne di Melendugno, sospettato peraltro di colpi in serie nella zona. 
 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentano incappucciati il furto di un'Alfa 147, intercettati da una volante

LeccePrima è in caricamento