Politica

Parco Corvaglia sarà pulito ogni giorno. “Ma non è un dog park”

Il neo assessore all'Ambiente, Andrea Guido, ha raggiunto un accordo a costo zero per il Comune. Un fatto solo in parte ordinario, che lascia intendere la volontà di cancellare una delle pagine più nere nel rapporto con i cittadini

 

LECCE – Il Comune di Lecce ha raggiunto l’accordo con Axa per la pulizia giornaliera di Parco Corvaglia. E’ stato il neo assessore all’Ambiente, Andrea Guido, a trovare l’intesa con l’azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti in quella parte della città dopo una serie incessante di segnalazioni da parte dei residenti e dei fruitori del parco. Sarà suffiente per riportare decoro e serenità su quel fazzoletto di terra dalla storia così tormentata?

I leccesi di buona memoria ricorderanno che nell’estate del 2005 ci fu un’occupazione da parte dei residenti che non volevano consegnare l’area alle ruspe incaricate di spianare la strada ad una struttura commerciale. E nell’aprile successivo venne il “drammatico” blitz, nottetempo, per far partire i lavori poi fermati dall'intervento della magistratura. La tormentata storia di Parco Corvaglia ha riempito le pagine dei quotidiani per anni e la sua appendice giudiziaria ha visto di recente la condanna in primo grado dell’ex dirigente comunale Raffaele Attisani.

Con un costo pari a zero per le casse comunali saranno garantiti interventi giornalieri di pulizia e raccolta rifiuti in tutta l’area del parco.“Parco Corvaglia – dichiara l’assessore Andrea Guido -  ha un forte significato simbolico in uno dei quartieri più popolari di Lecce. Oggi, per l’incuria, la disattenzione e la mancanza del senso civico di pochi, rischiava di perdere tutto l’appeal che un parco urbano dovrebbe avere. Se non avessimo modificato immediatamente il calendario degli interventi di pulizia previsti dal contratto di appalto, dando seguito alle numerose segnalazione dei cittadini residenti nella zona, con ogni probabilità degrado e incuria avrebbero preso il sopravvento. Il parco merita di tornare ad essere quel gioiello creato dall’amore degli abitanti della zona, a partire dalla piantumazione dei primi cinque alberelli nel 1991”. Nelle parole di Guido si può cogliere l’intendimento da parte dell’amministrazione di ricucire lo strappo con quella parte del rione San Pio che si è sempre e strenuamente opposta ai tentativi di modificare l’area in questione.

L’assessore Guido sottolinea, inoltre, appellandosi al buon senso di tutti, che Parco Corvaglia non è un dog park e che in città, attualmente, tutti coloro che ambiscono ad un’area urbana in cui poter passeggiare il proprio amico a quattro zampe, si possono recare presso il dog park Tommy, nelle immediate vicinanze del Palazzetto dello Sport. Con un po’ di pazienza, inoltre, avranno a disposizione altre aree attrezzate la cui realizzazione da parte dell’assessorato all’Ambiente è prevista in tempi brevissimi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco Corvaglia sarà pulito ogni giorno. “Ma non è un dog park”

LeccePrima è in caricamento