Mercoledì, 16 Giugno 2021
Politica

Trax Road, i due rioni della 167 sono ancora divisi. Messuti: "Al vaglio le soluzioni"

Il consigliere Roberto Martella ha sollecitato la giunta a provvedere all'effettiva congiunzione tra le aree della città di cui il parco dovrebbe essere cerniera. Al momento c'è solo un guardrail da scavalcare

La Trax Road vista dall'area mercatale.

LECCE - Nonostante la Trax Road sia stata inaugurata il 29 luglio scorso, le due zone 167, in particolare i rioni San Giovanni Battista e San Sabino, continuano ad essere separati.

Il parco che è stato pensato come cerniera tra due aree densamente popolari della periferia orientale della città non ha ancora assolto al suo compito perché la strada a scorrimento veloce che congiunge il capoluogo a San Cataldo è come una barriera, senza possibilità di attraversamento alcuno. 

Manca dunque ancora un tassello al completamento di tutta l'opera di riqualificazione urbanistica e il consigliere Roberto Martella, che fa parte del gruppo misto ma che sostiene l'azione della giunta Perrone essendo uno storico esponente del centrodestra cittadino, sollecita la realizzazione di quella "strada parco" che pure fu annunciata per consentire il flusso pedonale in condizioni di normale sicurezza e per annullare la frattura esistente ce non è solo urbanistica ma anhe sociale. 

Ad oggi invece l'unica effettiva possibilità di congiunzione tra la rotatoria di piazza Palio e le due successive in direzione di San Cataldo risiede nello scavalcamento del guardrail. Una situazione evidentemente insostenibile, anche perché nell'area insistono diversi istituti scolastici, anche per bambini.

Interpellato sul punto, l'assessore ai Lavori Pubblici, Gaetano Messuti, ha fatto sapere che "gli uffici tecnici stanno lavorando per la progettazione di alcuni percorsi di congiunzione del parco con l'agglomerato urbano. Varie sono le analisi che si stanno vagliando,tra le altre dei percorsi pedonali rialzati che possano integrare in sicurezza il parco all'interno dei quartieri limitrofi. Non appena i progetti saranno terminati, saranno sottoposti al vaglio della giunta comunale".

La soluzione più realistica appare quindi indentica a quella che già esisteva, cioè l'attraversamento sopraelevato che è stato poi abbattuto. Il parco è stato realizzato con i fondi stanziati da Anas come compensazione per i lavori della Tangenziale Ovest, mentre le opere a corredo, come gli attraversament saranno a carico del Comune.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trax Road, i due rioni della 167 sono ancora divisi. Messuti: "Al vaglio le soluzioni"

LeccePrima è in caricamento