menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Allarme lanciato da barca in avaria: sette migranti recuperati al largo di Leuca

Nuovo sbarco nel pomeriggio nel porto di Leuca di un gruppo di sette siriani intercettati dalla guardia costiera e assistiti dalla Croce Rossa. Il natante imbarcava acqua, richiesta d’intervento a 25 miglia dalla costa

LEUCA - Ancora uno sbarco di migranti nel pomeriggio di oggi presso il porto di Santa Maria Leuca dove un gruppo di siriani è stato trasportato a terra dal personale della guardia costiera dopo un salvataggio a 25 miglia dalla costa salentina. I migranti erano in navigazione, al largo di Santa Maria di Leuca, a bordo di un piccolo natante che a causa di un’avaria al motore è rimasto bloccato in mare, imbarcando pericolosamente anche acqua.

Dalla stessa imbarcazione è partita la richiesta di soccorso presso il numero di emergenza della guardia costiera e subito si è messa in moto l’attività interforze di pronto intervento e di assistenza per l’accoglienza. Una motovedetta della capitaneria di porto ha intercettato l’imbarcazione ed i militari hanno provveduto al trasbordo delle sette persone. Si tratta di sette migranti, quattro uomini (tra i quali si sta verificando la presenza anche di un possibile scafista) e tre ragazzi tra i 13 e i 16 anni, tutti di nazionalità siriana.

Sono stati accompagnati e fatti sbarcare tutti presso il molo del porto di Leuca dove i medici degli uffici di Sanità marittima, aerea e di frontiera e i volontari della Croce Rossa della provincia di Lecce hanno effettuato i primi rilievi e hanno rifocillato i migranti che sono stati trovati tutti in discrete condizioni. Avviato il protocollo e i controlli anti covid. Dopo l’esito dei tamponi si procederà con il trasferimento per le procedure di identificazione presso il centro don Tonino Bello di Otranto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento