Cronaca Via Torino

La rapina in tarda serata fallisce, in due vengono inseguiti e poi bloccati

E' successo a Galatina intorno alle 21. Carabinieri e polizia sono riusciti a fermare i malviventi, messi in fuga dalla reazione del personale del "Gustosito"

GALATINA – Uno è un ex calciatore senegalese la cui carriera è declinata talmente male, da essere ormai al terzo arresto, il secondo per rapina. L’altro è un albanese residente a Palagiano, in provincia di Taranto. Mamadou Sakho, 28enne, e Josel Aliu, 25enne, sono finiti in carcere dopo un assalto decisamente malriuscito. La reazione dei presenti è stata veemente. Anche perché fra Galatina e dintorni, ormai, dopo una sequenza impressionante di rapine avvenute nel giro di pochi mesi, il clima s’è surriscaldato fin troppo. E i cittadini, soprattutto i commercianti, sono tutti sul chi va là.

Questa volta, dunque, è andata male propri per i rapinatori. E c’è da credere che sui due, finiti in carcere, a Borgo San Nicola, le indagini non termineranno con le manette strette ai polsi ieri notte da commissariato di polizia e carabinieri. Bisogna capire, infatti, se c’entrino anche in alcuni degli altri episodi che si sono susseguiti nel grosso centro a sud di Lecce almeno dall’aprile scorso.    

SAKHO Mamadou-3Ieri sera, dunque, nel mirino è finito il market Gustosito di via Torino, angolo con via San Lazzaro. La telefonata al 113 è arrivata verso le 21,05. A chiamare, la titolare del locale commerciale che ha spiegato in diretta quanto stava avvenendo: due soggetti con volti coperti da passamontagna, di cui uno armato di coltello, erano in fuga, uno inseguito da suo fratello e da una persona che in quel momento si trovava nelle vicinanze, l’altro da un vigilante della Fidelpol. E’ arrivata così in zona una volante di polizia che ha fermato il primo soggetto, quello tallonato dalla guardia giurata. Il secondo è stato poi a sua volta bloccato e consegnato nelle mani di una pattuglia di carabinieri, chiamati a coadiuvare nell’intervento.

A bocce ferme è stato poi ricostruito tutto l’episodio. La proprietaria e alcuni dipendenti avevano da poco chiuso la porta d’ingresso del supermercato e, mentre stavano facendo le pulizie, all’improvviso hanno sentito un violento rumore: quello della saracinesca svollevata di colpo.

In un attimo, si sono ritrovati i malviventi davanti, uno dei quali ha sollevato il registratore di cassa, scaraventandolo sul pavimento e recuperando il cassetto con l’incasso del momento, 200 euro.

ALIU Josel-2Fuggendo a piedi, però, i due malviventi si sono ritrovati ben presto più persone alle calcagna e nemmeno dividendosi nella fuga sono riusciti a svignarsela. A uno, il fratello della proprietaria e un passante hanno anche strappato di dosso il passamontagna dal volto. Poco distante dal luogo della rapina sono poi stati trovati il coltello a serramanico e il registratore con i soldi. Polizia e carabinieri hanno quindi condotto i due presso il commissariato e, dopo aver avvisato il pubblico ministero di turno, Stefania Mininni,  li hanno dichiarati in arresto.

Colpisce, in tutto questo, la vicenda del senegalese. Promettente portiere, Sakho ha militato nel Nardò nel campionato di serie D. Con i granata, l’occasione di un discreto trampolino di lancio vanificato a causa di una squalifica per doping. Aveva 23 anni e da allora non si è più ripreso. Tanto che nel tempo è stato artefice di più di qualche crimine. Nel gennaio del 2014 fu per esempio fermato sempre per una rapina in un supermarket di Galatina, dopo essere stato in precedenza identificato anche come autore di un incendio che provocò la distruzione del furgone di un macellaio.  

GALATINA, IMPRESSIONANTE SEQUENZA DI RAPINE - Quello di ieri sera è stato un risultato di rilievo. Perché proprio Galatina e dintorni hanno subito negli ultimi mesi un’ondata in piena di rapine, alle attività commerciali più svariate.

All’alba del 6 aprile è toccato al bar dell’area di servizio Q8 sulla provinciale 362. Il 28 aprile, poi, al centro scommesse Better di via Soleto. Il 10 maggio, proprio al confine territoriale con Nardò, sulla statale 101, nei pressi dello svincolo per Collemeto, un assalto a un furgone di Mondo Convenienza. Lo stesso giorno, è stata anche la volta del negozio Idea Moda di via Corigliano, gestito da commercianti cinesi.

Il 31 maggio i rapinatori sono tornati nuovamente alla carica al bar della Q8. Il 4 giugno, l’assalto è avvenuto nel supermercato Dok di via Liguria, con il gestore pure ferito al volto con il calcio di un fucile. Incredibile, ma vero: il giorno successo è stato assalito per la terza volta il bar della Q8. Un’impressionante sequenza di rapine che ha lasciato sbigottiti i cittadini. Ma ieri, la successione s'è interrotta quando i cittadini hanno reagito, collaborando in maniera energica, con le forze dell'ordine, alla cattura. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La rapina in tarda serata fallisce, in due vengono inseguiti e poi bloccati

LeccePrima è in caricamento